Testo e musica: M.Carobbio
Arrangiamenti: The Vad Vuc
(Dedicata a tutti i bambini mai nati)

E alura Buón Natàl, Buón Natàl a tütt i person,
A chi gh’eva mia gnanca un nom
E l’è stai chì, insema a nüm.
Buón Natàl, cul Bambin pugiaa senza passiun
A vardà gio da la televisiun
Un presepi fai da culp e rasun.

E alura Buón Natàl, Buón Natàl anca a ti, pinin
Che ta set già s’capaa lassü, Buón Natal a chi è che gh’è pü.
E alura Buón Natàl, Buón Natàl anca a ti, tusét
Angiar senza piüm, bianc cumè la neev.

E alura Buón Natàl, par mi Natàl vöör dìi: vìn,
Fiulitt che rüzza a rügà sota a un pin,
Spagnulétt e un mandarin.
Buón Natàl, par ti Natàl vöör dìi nass
E bòrlà gio senza gnanca un riflèss
In da l’acqua turbura, d’un cèss.

E alura Buón Natàl, Buón Natàl anca a ti, pinin
Che ta set già s’capaa lassü, Buón Natal a chi è che gh’è pü.
E alura Buón Natàl, Buón Natàl anca a ti, tusét
Angiar senza piüm, bianc cumè la neev.

Mama, mama varda ul mè ventru…
Mama, mama, ma cumè l’è sgunfiu.
Ma mama, al ma fà maa.
Mama, mama, senti che ‘l và.
Ma mama, mama, vöri mia lassal
Anca se i disan che l’è mia nurmal,
Anca se i disan che ‘l ga mia i gamb:
Mama mama mò sun ‘na mamm.
Cusè ‘l vör dìi vess mia nurmai?
Cusè ‘l vör dìi vess raziunai?
Sù se ‘l vör dìi aveg un sensu,
Sù se ‘l vör dìi purtal in grembu.
Mama, mama, ma quanti prugramm
Da ingenua e stüpida mamm
A l’eva viif sota questa mia pèll,
‘Na vita lunga dumà un ghèll
Ma quanti sogn ga sta in un ghèll?
Quanti sogn gh’emm casciaa in un ghèll.
Quanti sogn senza pü logica,
‘N universu senza dedica.
Mi l’hu capii dal sò silenziu
L’hu carezaa cun la mia man, sül ventru
Che strana sòrt, che strana sfida
Quant l’è mòrt ga l’evi in vita.

TRADUZIONE

E allora Buon Natale, Buon Natale a tutte le persone,
A chi non aveva neppure un nome
Ed è stato qui, insieme a noi.
Buon Natale, col Bambino appoggiato senza passione
A guardare giù dal televisore
Un presepe fatto di colpe e ragioni.

E allora Buon Natale, Buon Natale anche a te, piccolino
Che sei già scappato lassù, Buon Natale a chi non c’è più.
E allora Buon Natale, Buon Natale anche a te, bambino
Angelo senza piume, bianco come la neve.

E allora Buon Natale, per me Natale vuol dire: vino,
Bambini che spintonano a frugare sotto ad un pino,
Noccioline e un mandarino.
Buon Natale, per te Natale vuol dire nascere
E cadere senza neanche un riflesso
Nell’acqua torbida, di un cesso.

E allora Buon Natale, Buon Natale anche a te, piccolino
Che sei già scappato lassù, Buon Natale a chi non c’è più.
E allora Buon Natale, Buon Natale anche a te, bambino
Angelo senza piume, bianco come la neve.

Mamma, mamma guarda il mio ventre…
Mamma, mamma, come è gonfio.
Ma mamma, mi fa male.
Mamma, mamma, sento che se ne va.
Ma mamma, mamma, non lo voglio lasciare
Anche se dicono che non è normale,
Anche se dicono che non ha le gambe:
Mamma mamma ora sono una madre.
Cosa vuol dire non essere normali?
Cosa vuol dire essere razionali?
So cosa vuol dire avere un senso,
So cosa vuol dire portarlo in grembo.
Mamma, mamma, ma quanti programmi
Da ingenua e stupida madre
Era vivo sotto questa mia pelle,
Una vita lunga soltanto un centimetro.
Ma quanti sogni ci stanno in un centimetro?
Quanti sogni abbiamo ficcato in un centimetro.
Quanti sogni senza più logica,
Un universo senza dedica.
Io l’ho capito dal suo silenzio
L’ho accarezzato con la mia mano, sul ventre
Che strana sorte, che strana sfida
Quand’è morto, l’avevo in vita.