Testo: M.Carobbio • Musica: M. Carobbio, F.Esteves Pinto
Arrangiamenti: The Vad Vuc

C’è una campagna che non ha raccolto
Il consenso di chi fuma
C’è un politico in manette
“Va tutto bene”, ci rassicura
C’è una tettona atomica
Che esplode in pretura
C’è un contatore Geiger
Come contorno alla frittura
C’è che il pesce congelato
Non è un dessert ma una fregatura
C’è un bambino a Masterchef
La ciliegina sulla tortura

L’è rügin quésta gabia
L’è rügin, ma che bésti sém?
Sém rügin, sénza rabia
Sém rügin, mi vöri püssée

C’è una bomba nella metro
Non è una mezza misura
C’è un selfie da Bruxelles
#iononhopaura
C’è sempre qualche sciacallo
Che si ciba della sciagura

Parchè l’è rügin quésta gabia
L’è rügin, ma che bésti sém?
Sém rügin, sénza rabia
Sém rügin, mi vöri püssée

E poi si gioca a far la fame
Sull’isola delle mie brame
E più che naufraghi sembran puttane
E poi si gioca a far l’amore
E poi si gioca ad emigrare
E poi si punta a denigrare, tutti noi
Sudditi di questa miseria
Siamo un trombo nell’arteria
Del cervello che si ossida
Su una poltrona elettrica

L’è rügin, ma che bésti sém?
Sém rügin, sénza rabia
Sém rügin, mi vöri püssée

Trad. rit.

Perché è ruggine questa gabbia
È ruggine, ma che bestie siamo?
Siamo ruggine, senza rabbia
Siamo ruggine, io voglio di più