X
Back to the top

GIANI MUTUR

GIANI MUTUR

In quésta nòcc da tempurál
Ògni stralüsc che ris’ciara l lucál
Fö da quisti védri sgrafignaa dii gótt
Fórsi mò capissi parchè l fa quéll bòtt
Dénta al bar aria grisa e pesanta
Gió in un cantún l’Angiulín al canta
Una canzún par sentiss ammò bèi
Una canzún: “Amici miei”
Pö l’è sciá lüü, angiar negaa
Giani Mutúr, demòni strepenaa
Cun sciá in dii man ul sò bücér da vin
Cun sciá in dii man ul sò destín

Al ga cüntava sü da quand al curéva in mòto
E par nüm bagái l’éva vardá una fòto
Férma dénta lí – cunt al còll un grópp –
Quii öcc sbiadii da un bücér da tròpp
Dénta quii man urmái araa dal témp
Al ga inzibiva che l strengéva ul vént
Che l stringéva cópp, danée e tanti dònn
Ma fórsi invéci ann tegnüü dumá un bastún

In quéll brevacc di sò pensée
Lüü l’è scapaa a impieniss ammò ul bücér
A impieniss quéll cör che urmái l’è na cantina
E fórsi l’è nai vía, püssée vöi da prima
In quésta nòcc da tempurál
Ògni stralüsc che ris’ciara ul lucál
Al canta una sua stòria e al cünta una canzún
E vün da sti stralüsc al camina cul bastún

TRADUZIONE

In questa notte di temporale
Ogni lampo che rischiara il locale
Fuori da questi vetri graffiati dalle gocce
Forse, ora capisco perché fa quel botto
Dentro al bar aria grigia e pesante
Giù in un angolo l’Angelino canta
Una canzone per sentirsi ancora belli (brilli)
Una canzone: “Amici miei”
Poi arriva lui, angelo negato (annegato)
Giani Mutúr, demonio spettinato (trascinato)
Con, nelle mani, il suo bicchiere di vino
Con, nelle mani, il suo destino

Lui ci raccontava di quando correva in moto
E per noi ragazzi era guardare una foto
Ferma là dentro – con al collo un nodo –
Quegli occhi sbiaditi da un bicchiere di troppo
Dentro a quelle mani ormai arate dal tempo
Ci spacciava (rifilava) che stringeva il vento
Che stringeva coppe, soldi e molte donne
Ma forse invece hanno tenuto solo un bastone

In quella bufera dei suoi pensieri
Lui è scappato a riempirsi ancora il bicchiere
A riempirsi quel cuore che ormai è una cantina
E forse è andato via più vuoto di prima
In questa notte di temporale
Ogni lampo che rischiara il locale
Canta una sua storia, racconta una canzone
Ed uno di questi lampi cammina col bastone

© The Vad Vuc 2019