Hey, cumè mai a pòrtan vía i Rom?
“Disan che ròban ai persónn…
In fund quii lí a pòrtan dumá rógn”

Hey, cumè mai a pòrtan vía i gay?
“Disan che l mund, inscí, l’è méi…
In fund a nüm ga piasan i dònn béi”

Hey, cumè mai a pòrtan vía i ebréi?
“Disan che i ènn mía nòst fredéi…
In fund quii lí pénsan dumá ai ghéi”

Charlie! A gh’ém un Checkpoint Charlie
Dénta l’ánima, Charlie
A l’è na fruntiéra in mèzz al cervèll
Che dichiara la man e scund ul curtèll

Hey, cumè mai a pòrtan vía la gént?
“A manifestavan cuntra l Presidént…
In fund l’è stai metüü sü legalmént…”

Hey, cumè mai a ma pòrtan vía?
Tròpp dumand par sta demucrazzía?
Parchè, cazzo, queidün parla mía?

Charlie! A gh’ém un Checkpoint Charlie
Dénta l’ánima e parli
A l’è na fruntiéra in mèzz al cervèll
Che dichiara la man e scund ul curtèll
A l’è l cunfín fra l’umbría e la lüs
Cumè ta vörat viv?  Cusè l’è méi par nüm?

Se qualcuno mi domandasse se sia meglio una società repressiva dove un genio venga isolato e considerato un imbecille pericoloso, o una società libera dove qualsiasi imbecille pericoloso possa diventare un genio: non avrei dubbi. Sceglierei sicuramente la seconda. Perché, se abbiamo già sperimentato quanto faccia male una dittatura militare, non sappiamo ancora quanto possa far male la dittatura della stupidità.

Charlie! A gh’ém un Checkpoint Charlie
Dénta l’ánima e parli
A l’è na fruntiéra in mèzz al cervèll
Che dichiara la man e scund ul curtèll

Hey, come mai portano via i Rom?
“Dicono che rubano alle persone…
 In fondo quelli lì portano solo rogne”

Hey, come mai portano via i gay?
“Dicono che il mondo, così, è migliore…
 In fondo a noi piacciono le belle donne”

Hey, come mai portano via gli ebrei?
“Dicono che non sono nostri fratelli…
 In fondo quelli lì pensano solo agli spiccioli”

Charlie! Abbiamo un Checkpoint Charlie
Dentro l’anima, Charlie
È una frontiera in mezzo al cervello
Che dichiara la mano e nasconde il coltello

Hey, come mai portano via la gente?
“Manifestavano contro il Presidente…
 In fondo è stato eletto legalmente…”

Hey, come mai mi portano via?
Troppe domande per questa democrazia?
Perché, cazzo, qualcuno non parla?

Charlie! Abbiamo un Checkpoint Charlie
Dentro l’anima e parlo
È una frontiera in mezzo al cervello
Che dichiara la mano e nasconde il coltello
È il confine fra luce e ombra
Come vuoi vivere? Cos’è meglio per noi?

Se qualcuno mi domandasse se sia meglio una società repressiva dove un genio venga isolato e considerato un imbecille pericoloso, o una società libera dove qualsiasi imbecille pericoloso possa diventare un genio: non avrei dubbi. Sceglierei sicuramente la seconda. Perché, se abbiamo già sperimentato quanto faccia male una dittatura militare, non sappiamo ancora quanto possa far male la dittatura della stupidità.

Charlie! Abbiamo un Checkpoint Charlie
Dentro l’anima e parlo
È una frontiera in mezzo al cervello
Che dichiara la mano e nasconde il coltello