Chissá cusè l faséva un tipu scuzzés vestii cul kilt
Chí da nüm, in gir da nòcc, cun un badíl
A vedéll caminá, cumè un vedèll péna nassüü,
Al faséva rid, e vaca se l’éva bevüü
Al strafuiava ciócch tradii che al vuréva turná a cá
E l dumandava se Glasgow “l’éva da lá”
Cèrt che ciciará inséma na pala a l’è un’imprésa
E pö l’è burlaa dénta par na scésa

“Ném a vedé, che fórsi l s’è fai maa!
Dai, ném a vedé che ga dém na man!
Dai, ném a vedé!” … ma l’éva dré a runfá
L’ém piantaa lí in mèzz ai ram
Pö dòpu un atim gh’è rivaa sciá dó tusann

“Al sará vèra quéll che disan di scuzzés?
Che sóta al kilt a giran biótt e gh’ann mía frécc?”
Vüna la ga valza sü la gòna e pö la rid
“Öla-lá, ul Signúr quéstu chí l’a benedii!”
Cun dispiasé parchè duvévan pròpi ná,
L’altra la decíd da lassagh un bèll regáll
La ciapa un nastru e pö la tira fö ul russétt
La ga scriv queicòss e pö la ga liga lá n fiuchétt

Ul tipu cul kilt al sa disséda dòpu n puu
Al sa varda in gir: “Indúa l’è l badíl? Se fann i ur?”
Al sa punda lá ala scésa cun una facia scüra
Par dá sfògu al riciám dala natüra

Al suméa prunt ma pö l sa varda dadré
Al suméa prunt ma pö l drizza i pè
Al suméa prunt ma pö l sa taca bén
Al varda gió par fá l mestée
Pö l s’ciòpa a rid – ahah – par quéll che l véd

“Mè caru tus al su mía induvè sét stai:
Chissá che cuncurs o che sfilada che t’é fai?”
Pö cun gran fadiga al désfa gió quéll fiuchétt
Al léng e l ghigna e l ga dumanda: “Cumè stét?  
A védi che stassira a t’é fai sücèss
Dénta la gala gh’è scrivüü «Loch Ness»
Mè caru tus, a sarém ciócch e sarém scémi,
Ma anca stavòlta ém vingiüü l prim prémi”

Chissá cosa faceva un tipo scozzese vestito con il kilt
Qui da noi, in giro di notte, con un badile
A vederlo camminare, come un vitello appena nato
Faceva ridere, e vacca quanto aveva bevuto
Farfugliava ubriaco perso che voleva tornare a casa
E chiedeva se Glasgow “era di là”
Certo che chiacchierare insieme ad una pala è un’impresa
E poi è caduto dentro ad una siepe

“Andiamo a vedere che forse si è fatto male!
Dai, andiamo a vedere che gli diamo una mano!
Dai andiamo a vedere!” … ma stava russando
L’abbiamo lasciato in mezzo ai rami
Poi dopo un attimo sono arrivate due ragazze

“Sarà vero quello che dicono degli scozzesi?
Che sotto al kilt girano nudi e non hanno freddo?”
Una gli alza la gonna e poi ride
“Olla-là il Signore questo qui l’ha benedetto!”
Con dispiacere perché dovevano proprio andare
L’altra decide di lasciargli un bel regalo
Prende un nastro e poi estrae il rossetto
Ci scrive qualcosa e poi gli lega un fiocchetto

Il tipo con il kilt si sveglia dopo un po’
Si gurda in giro: “Dov’è il badile? Che ore sono?”
Si appoggia alla siepe con una faccia scura
Per dare sfogo al richiamo della natura

Sembra pronto ma poi si guarda di dietro
Sembra pronto ma poi raddrizza i piedi
Sembra pronto ma poi si attacca bene
Guarda giù per fare il mestiere
Poi scoppia a ridere – ahah – per quello che vede

“Mio caro ragazzo non so dove sei stato:
Chissà che concorso o che sfilata hai fatto?”
Poi con grande fatica scioglie quel fiocchetto
Legge e sghignazza e gli chiede: “Come stai?
Vedo che stasera hai fatto successo
Dentro al fiocco c’è scritto «Loch Ness»
Mio caro ragazzo saremo ubriachi e saremo scemi
Ma anche stavolta abbiamo vinto il primo premio”