A pensavi mía che dissedass
Al pudéva fa inscí maa
L’è staia una guèra
Cul nemís dénta in cá

Ma l’è mía l pügn o la pesciada:
Urmái sénti pü nagótt
Parchè nala vita sa pò s’cepass
Ma anca rimétt inséma i tòcch

Se l vör dí par ti la parola “amúr”
Se ta riessat mía a fermass?
Ta l sét se l vör dí par mi “fá tütt giüst” ?
Non lo sai…

Implurá pietá? Dumandatt iscüsa?
E ala fin vergugnám da mi
Ti cul sangh in di öcc e i fiöö a scöla
Gh’eva nissün che pudéva sentí

Se dòpu na viulénza a résta l silénziu
Al vör dí ch’ém sbagliaa queicòss
Parchè stu retacc l’è inscí dificil
Da töss vía da dòss?

Ma quéla nòcc cumè un suldaa
Ta suridévi anca se sévi in tèra
L’è staia la nòcc che la dignitá
L’a vingiüü la guèra

Non pensavo che svegliarsi
Potesse fare così male
È stata una guerra
Con il nemico dentro in casa

Ma non è il pugno o la pedata:
Ormai non sento più nulla
Perché nella vita ci si può frantumare
Ma pure rimettere insieme i pezzi

Cosa significa per te la parola “amore”
Se non riesci a fermarti?
Sai cosa vuol dire per me “fare tutto giusto”?
Non lo sai…

Implorare pietá? Chiederti scusa?
E alla fine vergognarmi di me
Tu col sangue negli occhi e i figli a scuola
Non c’era nessuno che poteva sentire

Se dopo una violenza rimane il silenzio
Vuol dire che abbiamo sbagliato qualcosa
Perchè questo retaggio è cosi difficile
Da toglierci di dosso?

Ma quella notte come un soldato
Ti sorridevo anche se ero a terra
È stata la notte in cui la dignitá
Ha vinto la guerra